Mulino Acqua Frisca (rif.126)

Mulino Acqua Frisca

Rif: 126
Comune: Musei 

Descrizione:

Il Mulino s’Acqua Frisca è riportato nella Sez. A F° 8 del primo impianto del catasto geometrico del Comune di Musei (ante 1931) assieme alla “cora su Molino s’acqua frisca”, oltre ad una “Vecchia cora s’acqua frisca” (un mulino ancora più antico?). Nella Frazione M del vecchio catasto del Comune di Musei (post 1881) sono presenti i toponimi “Strada de s’acqua frisca” e “Rio de s’acqua frisca”. L’opificio molitorio è identificato anche nella cartografia del Catasto De Candia nelle Tavv. 3 del Comune di Villamassargia (anno 1845) e 5 del Comune di Musei (anno 1847).

Il mulino, localmente noto anche con denominazione M° Pillonis, è ubicato sulla sinistra idrografica del Riu Cixerri. Oltre a poche tracce del basamento in pietrame della costruzione, è attualmente visibile solo un tipico arco di ingresso del flusso idrico alla turbina (probabilmente orizzontale), oltre a pochi indizi di affossature correlabili con la gora di derivazione.

L’Angius, che effettuò i suoi rilevamenti nel periodo 1832-48 per la stesura della monumentale opera del Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli Stati di S. M. il Re di Sardegna, espresse quanto segue in merito al villaggio di Musei: “Non si hanno giumenti per la macinazione, servendosi questi popolani de’ molini di Domus-novas”. 

Cartografia:


mappa


Gallery:

Web Design: Piludu.it - Cagliari