Mulino P. Seche (rif.156)

Mulino

Rif: 156
Comune: Scano Montiferro 

Descrizione:

Il mulino è individuato nel Catasto del Real Corpo di Stato Maggiore Generale (Catasto De Candia) (tavoletta 4, Comune di Scano Montiferro, anno 1849). L’opificio è riportato nella cartografia I.G.M. F° 206, in scala 1:100.000 (“Macomer”, ril. 1899) e nel dettaglio in scala 1:50.000 (F° 206 IV “Bosa”) tra un insieme di opifici idraulici presenti lungo il Riu Cherchelighes e individuati con il toponimo “Mi Tunchinu”. Nel Foglio 11 in scala 1:2.000 del primo impianto del catasto del Comune di Scano Montiferro (ante 1931) è riportato presso la sponda sinistra del Rio Mannu (Rio Cherchelighes), poco a monte e a valle rispettivamente di altri due opifici (rif. 155, rif. 655). Risulta alimentato da una corta derivazione innestata poco più a monte ed immediatamente reindirizzata nel rio principale ad esso adiacente. La rilevante presenza di opifici idraulici lungo il Rio Cherchelighes è riportata anche nella vecchia carta del Touring Club Italiano in scala 1:250.000 (foglio “Oristano”, 1908-1916).

(Dettagliate informazioni sul mulino di Antonio Vassallu “Mannu” in C.A. Cherchi, I mulini idraulici di Scano Montiferro "Sos molinos de abba de Iscanu", 2005, Amministrazione Comunale di Scano Montiferro).

Dalla folta vegetazione si intravede la parte sommitale della muratura della costruzione a pianta rettangolare, costituita da pietrame di natura vulcanica, prevalentemente basaltico, e, sulla sommità di questo, frammenti di tegolame. Non è stato possibile appurare l’eventuale presenza di particolari tipologici della pregressa attività molitoria.

Cartografia:


mappa


Gallery:

Web Design: Piludu.it - Cagliari