Molino Margiateddu (rif.600)

Mulino

Rif: 600
Comune: San Vero Milis

Descrizione:

Il mulino è riportato nel Catasto del Real Corpo di Stato Maggiore Generale (Catasto De Candia) (tavoletta 7, Comune di San Vero Milis, anno 1847) sulla destra idraulica del Rio di Mandrainas con il toponimo “Molino degli eredi di Prete Salvatore Puliga”. Riferito a un periodo poco precedente, il simbolo di opificio idraulico è riportato nel F° 26 “Oristano” del ”Atlante dell'Isola di Sardegna alla scala 1:50.000” (Ril. Alberto La Marmora - Carlo De Candia, 1834-1839). Il simbolo di mulino è identificabile nella carta I.G.M. F° 206 in scala 1:100.000 (“Macomer”; Ril. 1899) lungo lo stesso corso d’acqua, denominato F.so de S. Pietro. In dettaglio l’opificio è presente nel Foglio 8 in scala 1:2.000 del primo impianto del catasto del Comune di San Vero Milis (ante 1931) lungo il Rio Simmamis con il toponimo di “Molino Margiateddu”, poco a monte di un altro opificio (rif. 601).  

Il rudere, con caratteristiche costruttive analoghe all’opificio attiguo,  è caratterizzato da mura perimetrali a pianta rettangolare costituite da pietrame di natura vulcanica (prevalentemente basalto) posto ad opera incerta, con inserimenti e rinzeppature di ciottolame, e legato con impasto di terra. Il profilo delle murature, pur complete in elevazione solo in alcuni tratti, indicano che il tetto era a falda unica. Non sono evidenti elementi tipologici della pregressa destinazione molitoria.

Cartografia:


mappa


Gallery:

Web Design: Piludu.it - Cagliari