Mulino? (rif.697)

Mulino

Rif: 697
Comune: Tiana 

Descrizione:

Il rudere presente in situ (da verificare l'effettiva la destinazione pregressa a opificio idraulico) può essere topograficamente riconosciuto con uno, tra i tanti, dei mulini riportati lungo questo tratto del Riu Torrei nella cartografia I.G.M. F° 207 in scala 1:100.000 (“Nuoro” – Ril. 1900) e nell'ingrandimento in scala 1:50.000 (F° 207 – III “Sorgono”). In dettaglio, la costruzione, o meglio due distinti caseggiati piuttosto ravvicinati, sono riportati nel Foglio 14 in scala 1:2.000 del primo impianto del catasto del Comune di Tiana (ante 1931) sulla sponda destra dello stesso corso d’acqua, qui denominato Rio Crabosu. La presenza di opifici idraulici lungo questo corso d’acqua è citata dall’Angius nei resoconti dei suoi sopralluoghi in Sardegna della metà dell’’800 il quale riferisce che “Non si hanno giumenti, perchè la macinazione dell’orzo e del grano si fa ne’ ventun molini che si hanno lungo la corrente del Tino, i quali bastano non solo al servigio delle famiglie del paese, come abbiam già detto, ma a molte dei paesi vicini”.

In situ, in una posizione approssimativamente coincidente con quella desunta dalla cartografia consultata, sono presenti ruderi, in stato piuttosto caotico, di una costruzione complessa in pietrame di natura essenzialmente granitica disposti per lo più a secco e ad opera incerta. Frammenti di tegole sono ugualmente rinvenibili tra il rudere all’interno del folto bosco. Non sono evidenti tracce dell’eventuale funzione tipologica, ma sembrerebbe presente un breve tratto di canalizzazione in pietra. 

Cartografia:


mappa


Gallery:

Web Design: Piludu.it - Cagliari