Mulino Doro (rif.411)

Mulino

Rif: 411
Comune: Sedini 

Descrizione:

Il mulino è individuato nel Catasto del Real Corpo di Stato Maggiore Generale (Catasto De Candia) (tavoletta 17, Comune di Sedini, anno 1847), da cui deriva la sezione Q dello stesso comune relativa al Cessato Catasto di Sassari (post 1853) e dove risulta ugualmente segnalato sulla sponda destra del Rio Silani, a breve distanza dalla chiesa di San Nicola, assieme ad altri 5 opifici idraulici posti in sequenza lungo il corso d’acqua. Il mulino è riportato lungo il Rio Silanis nella cartografia I.G.M. F° 180 in scala 1:100.000 (“Sassari”, lev. 1897) e nell’ingrandimento F° 180 - I in scala 1:50.000 (“Castel Sardo”, ril. 1897). Nel Foglio 83 in scala 1:2.000 del primo impianto del catasto del Comune di Sedini (ante 1931) l’opificio è riportato in dettaglio sulla sinistra idrografica dello stesso torrente, denominato Riu di Sizani, raggiunto da una derivazione innestata nel corso d’acqua più a monte. Complessivamente la cartografia riporta sette opifici idraulici lungo questo tratto del Rio Silanis.  La denominazione dell’opificio è M° Doro o di Silani.

La costruzione originaria dell’opificio è stata completamente ristrutturata mediante un intervento funzionale che prevede la valorizzazione della vallata del Rio Silanis, oltre al restauro della vicina chiesa di San Nicola. Si tratta, nella conformazione attuale, di un edificio a pianta rettangolare disposto in un unico livello allungato, caratterizzato da una parte avente il tetto a falda unica, spiovente verso il prospetto frontale, e una porzione ubicata ad un’estremità dell’edificio leggermente più alta e con tetto a doppia falda, dove veniva effettuata l’attività di macinazione grazie all’azionamento di una ruota verticale. Non sono evidenti esternamente elementi costruttivi e funzionali alla pregressa attività molitoria.

Cartografia:


mappa


Gallery:

Web Design: Piludu.it - Cagliari