Mulino Logulentu (rif.138)

Mulino

Rif: 138
Comune: Sassari 

Descrizione:

Il sito è individuato nel Cessato Catasto di Sassari (Frazione h2, Comune di Sassari, post 1881), derivante dal catasto del Real Corpo di Stato Maggiore Generale (Catasto De Candia). Il mulino è riportato anche nella cartografia I.G.M. F° 180, in scala 1:100.000 (“Sassari”, ril. 1895) e, in particolare, nel dettaglio in scala 1:25.000 (F° 180 III N.O. “Stagno di Platamona”- Ril. 1895) lungo il Rio Logulentu con il toponimo “M° Agnese”. Nel Foglio 54 in scala 1:2.000 del primo impianto del catasto del Comune di Sassari (ante 1931) l’opificio è presente sulla destra idrografica del Rio Logulentu, raggiunto da una lunga canalizzazione di derivazione innestata più a monte nel corso d’acqua che, localmente, alimenta altri opifici idraulici.

 

Il complesso del mulino Logulentu, costruito essenzialmente con pietra calcarea, si presenta piuttosto articolato, con un corpo principale adibito alla macinazione dei cereali, dove confluisce la derivazione e dove è ancora riconoscibile l’alloggio della ruota verticale e l’arco dell’ultimo tratto di canaletta; altri locali erano adibiti a scopi funzionali all’attività svolta: depositi, saloni, cucina, alloggi. Nel sito spicca, inoltre, un’alta ciminiera. Una targa riporta l’anno in cui fu rilasciata la concessione per l’utilizzo dell’acqua come forza motrice per il mulino: 1868 (Rif. Mezzolani, Simoncini, 1995).

 

Mezzolani A., Simoncini A. (1995), Sardegna da salvare, Archeologia industriale (vol. I), Archivio Fotografico Sardo, Sassari, p. 386-387.  

Cartografia:


mappa


Gallery:

Web Design: Piludu.it - Cagliari